Responsive theme

Il suggestivo canto della terra, il profumo dell’uva appena raccolta e l’aroma del vino che si diffonde poeticamente tra cielo e terra sono un emozione racchiusa dentro un sorso che solo i vini delle colline di Valdobbiadene sanno offrire.

Ecco perchè il nostro vino, color topazio, dal profumo inebriante ed una sapidità provocante già al primo assaggio, è in grado di custodire, tra tradizioni e poesia i segreti del miglior prosecco di Conegliano-Valdobbiadene.

Conegliano - Valdobbiadene

Il territorio del Prosecco si estende nelle zone collinari di Treviso, tra il perimetro di Conegliano e Valdobbiadene. Un insieme di terre collinari che dalla pianura si susseguono fino alle Prealpi, e nel Prosecco si riconosce e si identifica tutta la cultura del territorio veneto.

La viticoltura in queste magnifiche terre collinari venete è molto antica tanto che il lavoro dell’uomo ne ha scolpito, nei secoli, i versanti più soleggiati dei colli, ne ha disegnato in modo indelebile il profilo, il sapore e la vita stessa. Le vigne hanno trovato in queste colline venete l’habitat ideale di crescita e coltivazione.


Conegliano

Conegliano è considerata il centro culturale del distretto del Prosecco ed è la sede della Scuola Enologica, mentre Valdobbiadene è il suo massimo centro di produzione, il cuore pulsante, tanto che ogni anno ospita la Mostra Nazionale dello Spumante.

Il Distretto oggi è una vera e propria macchina economica, infatti grazie alla produzione del Prosecco, in queste terre sono nate molte attività correlate che comprendono la completa filiera produttiva, come ad esempio le distillerie, talmente forti e competitive tanto da creare una propria squadra riunita nell’Istituto Grappa Veneta, ente che ha sede a Conegliano.

Vi sono poi gli studi di progettazione e le aziende produttrici dei macchinari per le lavorazioni enologiche. Molte altre sono le attività legate al prosecco, quali i laboratori di analisi, e tutte e aziende che gravitano intorno ai servizi per l’enologia.


Il castello di Conegliano, da cui si può godere del panorama ella città e di tutta l'area circostante: la pianura veneta fino alla laguna di Venezia, buona parte della pianura friulana, i colli morenici del trevigiano e le Prealpi.

Venezia

Il luogo più celebre di Venezia è Piazza san Marco, l'unica nel centro storico ad essere caratterizzata dal toponimo piazza: le altre sono chiamate infatti campi o campielli.

La Basilica di San Marco è situata al centro della piazza, rivestita da mosaici che raccontano la storia di Venezia, assieme ai bassorilievi che raffigurano i mesi dell'anno e gli antichi mestieri.

Sopra la porta principale, i quattro cavalli bronzei di Costantinopoli che furono trasportati a Venezia in seguito alla quarta Corciata del 1204. La pianta a croce greca è sovrastata da cinque grandi cupole. L'interno è rivestito di mosaici a fondo oro che raffigurano passi biblici e allegorici.

I sestieri della città antica si articolano intorno alla doppia ansa del Canal Grande, la via d'acqua principale da cui si snoda una fitta rete di circa 158 canali minori. Il Canal Grande è attraversato da quattro ponti: il ponte di Rialto è il più antico, opera di Antonio Da Ponte, sorse nel 1591; il ponte dell'Accademia, interamente in legno; il ponte degli Scalzi, quest'ultimi costruiti sotto la dominazione asburgica e ricostruiti nel XX secolo; infine il ponte della Costituzione, posto in opera nel 2008 su progetto dell'architetto Santiago Calatrava.

Le diverse tipologie

Se penso alle nostre viti, al vino, alla nostra terra in realtà penso all’amore che è ciò che muove ogni cosa, ciò da cui sono nate le nostre piante,la nostra azienda. Ogni giorno respirando nei vigneti i sensi s’inebriano di profumi, di emozioni che rimandano alle nostre origini legate al territorio e alla storia delle nostre terre. Ci ricordano il perchè ci dedichiamo con il cuore a questo lavoro, una dedizione ricambiata con la stessa passione dalla natura che ogni stagione ci regala una speranza, ogni anno meravigliosi grappoli dorati... Poi chiudo gli occhi... penso ancora all’amore e assaporo tutta la magia del nostro prosecco...

Manuela Perin

Ed ecco nascere il Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, grazie ad un rigido protocollo che ne garantisce l'unicità e l'autenticità, e grazie ad una lunga tradizione che ha mantenuto nel tempo un'identità precisa ed inconfondibile.

Tranquillo, Frizzante o Spumante, il Prosecco DOC di Conegliano Vaddobiadene si riconosce per il colore paglierino leggero, per la moderata corposità, per l'esculsivo profumo fruttato e floreale: ecco una breve descrizione delle caratteristiche dei diversi tipi di vino prodotti.

Noi abbiamo posto la nostra attenzione sul Prosecco Spumante ExtraDry


Prosecco Spumante Extra Dry

E' il Prosecco Classico, la versione che unisce l'aroma delle altre varietà con un gusto esaltato dalle bollicine.

Caratteristiche

Colore giallo paglerino, ottima corposità, dal gusto secco e fruttato con sapore fresco. In bocca il vino è morbido e al tempo stesso asciutto grazie ad un'acidità ben presente

Abbinamento

La sera e le bollicine sono un binobio perfetto, specie ai bordi di una piscina in un clima di raffinatezza e piacere, il prosecco extradry di Conegliano è ottimo come aperitivo, servito ad 8-10° C. Inoltre ottimamente abbinato a minestre di legumi e frutti di mare, paste con delicati sughi di carne, formaggi freschi e carni bianche soprattutto pollame, ne esalta i sapori.

Conservazione

In luogo fresco, al riparo della luce e da fonti di calore


Imballi

Bottiglie da 0,375 lt. Chopin

Bottiglie 0,75 lt. Collio

Bottiglie 3 lt. Jeroboam

Bottiglie da 6 lt. Mathusalem

Bottiglie 15 lt. Nabucodonosor

Imballi personalizzati per le diverse esigenze:

Cartoni da 2/6/12 bottiglie

Casse in legno da 1/2/6 bottiglie

Confezioni personalizzate

Vinitaly 2015

Anche quest'anno siamo presenti a Vinitaly, la manifestazione italiana più importante del settore.

Vinitaly 2014

H-farm

H-FARM è un Venture Incubator che opera a livello internazionale in ambito Web, Digital e New Media, favorendo lo sviluppo di startup basate su innovativi modelli di business

La proprietà di Antiche Terre dei conti è partner in H-FARM


Bio

Non siamo d’accordo con quanti sostengono che il crescente interesse per il metodo della coltivazione biologica mostrato dal consumatore corrisponda ad un fatto di moda destinata presto ad essere superata. Siamo invece convinti che l’apprezzamento di tale metodo di produzione corrisponda ad una nuova e più matura cultura basata su solidi principi quali il rispetto dell’ambiente e del territorio, la salute del consumatore.

Nonostante l’agricoltura biologica si sia avviata in Italia con ritardo rispetto agli altri paesi europei, attualmente l’Italia è il “paese più biologico” di tutta l’Unione Europea. Le imprese agricole biologiche italiane sono 49.790, su un totale comunitario di 128.556, e investono una superficie di 1.040.377 ettari, rispetto ai 3.722.336 ettari comunitari (fonte Coldiretti); ciò significa che l’Italia annovera rispettivamente il 39% delle imprese e oltre un quarto (27,9%) della superficie coltivata a biologico dell’Unione Europea.


Biogas

Dal 2011 abbiamo aderito al rigido protocollo definito dalla Unione Europea per la conversione ad agricoltura biologica. Un persorso che ci permetterà nel 2014 di ottenere la certificazione BIO per le nostre uve.

Alla fine del processo di vinificazione la vinaccia viene utilizzata per generare biogas che immesso in un cogeneratore produce energia elettrica e termica.

Le biomasse digerite si trasformano a loro volta in concime organico naturale che riusiamo nei nostri terrenti. Un ciclo chiuso che ci permette di utilizzare al meglio ciò che la natura ci dona.

Contatti

Per informazioni sul prodotto si prega di compilare il form sottostante. Un nostro incaricato vi risponderà il prima possibile.


Società Agricola Antiche Terre dei Conti S.r.l. Via Guido Rossa, 7 | 31030 Colfosco di Susegana – TV | P.IVA , C.F. e N. reg. imprese: 04120040268 | Telefono: 0438 27074/0438 27075 | Fax: 0438 758823 | Riproduzione Vietata